associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Ascolti in calo per Rai 2 e Rete 4 dopo il passaggio al digitale
  Arrivano i primi responsi Auditel
   
 
 
  A un mese dal passaggio sul digitale terrestre nel Lazio di Raidue e Retequattro arrivano i primi responsi Auditel. I due canali perdono tra i tre e i quattro punti di share: Retequattro, in particolare, in day time scende sotto La7. Soffrono un po' anche le altre reti generaliste Mediaset, mentre sorride Raitre e guadagnano i canali digitali e quelli di Sky. Si tratta comunque - ribadiscono gli esperti - di verdetti prematuri, perché basati sulla media dell'ultimo mese, compresi quindi i primi giorni successivi allo switch-over, sempre più critici. Nel frattempo, infatti, spiegano al dipartimento Comunicazioni del ministero dello Sviluppo economico, la situazione si va normalizzando, come dimostra il crollo delle telefonate al call center. Dal 16 giugno al 16 luglio - in base ai dati Auditel elaborati dallo studio Frasi - Raidue ha raccolto in day time il 5.74%, più di due punti in meno rispetto alla media italiana nello stesso periodo e tre punti in meno rispetto alla media del Lazio nel mese precedente. Retequattro si attesta al 4.14%, sotto La7 (4.83%), e diminuisce di quasi quattro punti rispetto all'intero Paese e di 2.78 punti rispetto al mese precedente nel Lazio. Rispetto alla media italiana scendono anche Canale 5 (-1.34 punti) e Italia 1 (-2.72), mentre guadagnano Raiuno (+2.09 punti) e Raitre (+1.20). Crescono tutte le reti digitali come Boing, Rai 4, Fox Crime e Sky Cinema 1. «La sorpresa - commenta Francesco Siliato, partner dello studio Frasi e docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi al Politecnico di Milano - non è tanto il calo, fisiologico, di Raidue e Retequattro, quanto la sua entità: una diminuzione così significativa indica un'impossibilità di visione. Evidentemente gran parte dell'audience di Raidue e Retequattro è affidata agli abbonati Sky: del resto, gli stessi clienti della piattaforma satellitare guardano più le reti generaliste che i canali Sky». «Oltre che su Raitre e La7, questi spettatori sono finiti sulle reti digitali: crescono un po' tutte, a differenza di quanto è accaduto in Sardegna con il boom di Rai4», continua Siliato, convinto comunque che «Raidue e Retequattro recupereranno senz'altro». Il ministero fa sapere che resta alto (33-35%) il numero delle telefonate per informazioni sul contributo statale per l'acquisto del decoder (50 euro destinati agli over 65, con reddito entro i 10 mila euro annui e in regola con il pagamento del canone Rai), ma le richieste sono ancora limitate: al 15 luglio sono stati erogati 10.977 bonus, rispetto ad un potenziale di 130 mila persone aventi diritto.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Writer's prednisone 10 mg powerful selectively prednisone for dogs [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login