associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Dal 1° gennaio 2010 é operativa la class action nel settore pubblico.
  Utelit Consum Nazionale: “Ma senza il riconoscimento di risarcimenti al cittadino é una riforma ‘monca’”
   
 
 
  Il Decreto Legislativo 20 dicembre 2009, n. 198 che da attuazione alla riforma Brunetta (Legge 4 marzo 2009, n. 15) in materia di efficienza della pubblica amministrazione ha finalmente introdotto, a partire dal 1° gennaio 2010, la class action non solo tra soggetti diritto privato ma anche contro la P.A.. Il fine, certo lodevole, del provvedimento é quello di coinvolgere gli utenti dei servizi pubblici nella valutazione dei prodotti resi dalle pubbliche amministrazioni consentendo loro di agire in giudizio nei confronti di queste ultime se dalla violazione di standard qualitativi ed economici o degli obblighi contenuti nelle Carte dei servizi, dall’omesso esercizio di poteri di vigilanza, di controllo o sanzionatori, dalla violazione dei termini o dalla mancata emanazione di atti amministrativi generali, derivi la lesione di interessi giuridicamente rilevanti per una pluralità di cittadini. Dunque, al fine di garantire un sempre più elevato standard di prestazioni delle pubbliche amministrazioni nei confronti della collettività, si consente da parte della medesima collettività un controllo esterno di carattere giudiziale sulla qualità, tempestività ed economicità dei servizi resi. In caso di accoglimento della domanda, la normativa prevede che il giudice ordini all’amministrazione interessata di adempiere entro un congruo termine con l’obbligo per l’ente implicato di accertare i soggetti che hanno concorso a cagionare l’omissione o il ritardo e di adottare i provvedimenti di competenza. Fin qui tutto bene. “Il grosso limite di questa riforma é che essa non prevede alcun risarcimento per il cittadino consumatore per eventuali danni subiti – spiega Rocco Monaco, Presidente Nazionale di Utelit Consum – Dunque se, ad es. per una visita specialistica devo attendere due anni, o se per il disbrigo di una pratica amministrativa perdo intere giornate sballottato da un ufficio all’altro, non potrò chiedere alcun risarcimento. E’ una riforma spuntata che certamente può e deve essere migliorata con l’introduzione di un risarcimento o almeno di un’equo indennizzo’ per il cittadino vittima della burocrazia”.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
In [URL=http://generic-canada-pharmacy.net/#pharmacy-zxv]pharmacy[/URL] disengagement optimising extraordinary clinics, regimes [URL=http://pharmacyno [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login