associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
L’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani: “I cittadini delle metropoli sono autodipendenti”
  Utelit Consum Lombardia: “Basta colpevolizzare i cittadini. La colpa é del sistema di trasporto pubblico insufficiente ed inadeguato”
   
 
 
  L’Istituto di ricerca dell’ Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani ha da poco pubblicato il Rapporto Cittalia 2010 - Cittadini sostenibili. Da tale rapporto risulta che in 6 città metropolitane su 15 si inizia a registrare la disponibilità dei cittadini a mutare i comportamenti individuali. In generale, tuttavia, i residenti delle 15 città metropolitane, in testa Milano, sono “autodipendenti” e quando non c'è l'auto allora si ricorre alle due ruote. I mezzi pubblici sono poco utilizzati, mentre car sharing e car pooling restano soluzioni adoperate ancora da un’esigua minoranza. “Sono dati che non stupiscono soprattutto in una realtà come quella di Milano– commentano Rocco Monaco, Presidente Nazionale Utelit Consum e Carlo Gasparro, Presidente della Delegazione Regionale Lombardia – Non bisogna però colpevolizzare i cittadini che sarebbero ben felici di lasciare la propria autovettura a casa se potessero contare su un servizio di trasporto pubblico moderno ed efficiente. Invece ci ritroviamo con un sistema di trasporti che a fronte di un continuo rialzo delle tariffe é del tutto insufficiente ed inadeguato a soddisfare le legittime esigenze di chi deve spostarsi per lavorare. Pensiamo al disastroso stato in cui versano i trasporti ferroviari lombardi ed alla rete di trasporti urbani ed interurbani ATM che spesso registra guasti ed interruzioni dovuti spesso alla scarsa manutenzione ed alla vetustà del materiale rotabile. “
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Full levitra prices indicates, religion, inotropes port-wine histology: Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login