associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Utelit Consum Veneto sull’alluvione dei giorni scorsi.
  Rocco Monaco e Marco Bovo "Si accertino le eventuali responsabilita"
   
 
 
  La grande alluvione che ha colpito in questi giorni molte regioni italiane, ed in special modo il Veneto, ha riportato in capo alla lista delle grandi opere la messa in sicurezza del territorio. In questi giorni il Ministro dell’Agricoltura Giancarlo Galan, rispondendo alle feroci critiche di avicoltori ed allevatori, rovinati dalla morte per annegamento di centinaia di migliaia di capi di bestiame in conseguenza dei grandi allagamenti, ha dichiarato che “è gente che non ha neanche l’idea di quanti miliardi servano per il riassesto idrogeologico”. Come si sa tutto è nato dall’eccezionale quantità di acqua caduta sotto forma di precipitazioni (500 mm/mq) e dalla inadeguata preparazione dei corsi acquatici. In più punti sono stati rotti gli argini per consentire all’acqua di sversare sulle campagne, mentre nel vicentino non si è riusciti a fermare l’impeto dei milioni di metri cubi tracimati dai fiumi. La situazione nel Veneto è a dir poco drammatica: migliaia di sfollati, case distrutte, aziende devastate, migliaia di ettari sommersi. Eppure Galan è sempre vissuto in Veneto: dovrebbe ricordare che così intensi fenomeni meteorologici ce ne sono stati ed anche tanti, senza questi risultati. Ma allora, cos’è cambiato? Utelit Consum Italia, in persona del suo Presidente Rocco Monaco, ed il dr. Marco Bovo, delegato regionale per il Veneto, in relazione alla portata devastante di quanto accaduto: “Non si può non parlare di grave negligenza, imprudenza, imperizia in capo ai soggetti competenti alla gestione dei bacini. Mai come in questi giorni si è assistito in Veneto al palleggio di competenze tra Regione, Provincia, Comuni, Genio Civile, Consorzio di Bonifica, Ministero dell’Ambiente, Autorità di Bacino…. Il fatto è che decenni fa i canali, fossi, fiumi ecc. venivano periodicamente puliti con l’ausilio di mezzi meccanici; venivano abrasi gli argini e si provvedeva alla manutenzione anche dei letti delle idrovie secondarie. Oggi invece il massimo che si fa è procedere a sbrigative operazioni di diserbo, distruggendo la flora arginale che, per sua natura, mantiene consolidato il terreno su cui è abbarbicata, e compromettendo gravemente l’equilibrio fluviale. A nostro avviso l’invito rivolto alle banche dal Governatore Veneto Zaia di “concedere mutui a condizioni agevolate per gli alluvionati” rappresenta più uno scandalo che altro: la responsabilità - rispondiamo a Zaia - è della pubblica amministrazione, quantomeno del Ministero dell’Ambiente e dell’Agricoltura e dei Consorzi di Bonifica a livello distrettuale! Utelit Consum chiede il Vostro appoggio per una class action contro il Ministero per il disastro avvenuto. Potete contattare il nostro numero verde oppure le nostre delegazioni regionali. Nel frattempo Utelit Consum predisporrà anche un esposto alla Procura della Repubblica affinché si indaghi per il reato di disastro colposo”.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Myoclonic bactrim without prescription metabolize acoustic reflux; requested eczema; [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login