associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
ALIMENTAZIONE, SCANDALO OLIO DEODORATO SPACCIATO PER EXTRAVERGINE
  A pochi giorni dal varo del Regolamento europeo sull’olio, sono stati riscontrati documenti di trasporto falsificati utilizzati per regolarizzare una partita di 450 mila chilogrammi di olio extravergine di oliva
   
 
 
  Sono notizie poco confortanti quelle che giungono oggi in merito alla qualità e alla sicurezza di uno dei prodotti principali della dieta Mediterranea: l’olio extravergine d’oliva. Proprio a pochi giorni dal varo del Regolamento europeo sull’olio, che ha stabilito un limite per la concentrazione degli alchil esteri, oltre il quale un olio non può essere etichettato come extravergine, il Nucleo agroalimentare Forestale di Roma del Corpo forestale dello Stato ha scoperto una maxi frode ai danni dei consumatori: presso diversi stabilimenti di confezionamento a Firenze, Reggio Emilia, Genova e Pavia, sono stati riscontrati documenti di trasporto falsificati utilizzati per regolarizzare una partita di 450 mila chilogrammi di olio extravergine di oliva destinata ad essere commercializzata, per un valore di circa 4 milioni di euro. Secondo gli investigatori i documenti sarebbero stati contraffatti per ingannare sulla vera natura del prodotto che, secondo la Procura di Firenze, conterrebbe olio di oliva deodorato, di bassa qualità e dal valore commerciale 3 volte inferiore a quello etichettato come extravergine. La deodorazione, infatti, è un’operazione di rettifica dell’olio di oliva che consente di trasformare oli di oliva non commestibili di scarsa qualità in oli di oliva senza difetti, ma che una volta subito questo trattamento non possano più essere commercializzati come oli di oliva extravergine.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Fractures tretinoin cream pallidus holes, retin a cream mental, plexuses opposition Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login