associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
GIOCATTOLI PER BAMBINI PIU’ SICURI
  l 12 maggio entra in vigore il disegno di Legge che attua direttiva UE
   
 
 
  MILANO - Buone notizie per i piccoli consumatori: presto in commercio ci saranno meno giocattoli pericolosi o contraffatti. Il 12 maggio 2011, infatti, entra in vigore il decreto legge n.54 dell'11 aprile 2011, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che attua la Direttiva Europea 2009/48/CE che tutela l'incolumità dei (giovanissimi) consumatori e il commercio del settore. Il fenomeno dei giocattoli pericolosi o contraffatti è in costante crescita in tutta Europa. Soltanto in Italia, nel 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato ben 8,8 milioni di giocattoli pericolosi. E nei primi 2 mesi del 2011 sono stati sequestrati già oltre 2,17 milioni di giocattoli pericolosi e più di 745.000 giocattoli contraffatti. “Il decreto legge definisce – ha dichiarato il Presidente di Utelit Lombardia - finalmente, il concetto di giocattoli, ed indica esplicitamente alcune tipologie di prodotti che non possono essere considerati giocattoli e che vanno esclusi dalla categoria. Particolare attenzione è posta sulle sostanze chimiche utilizzate e alla prevenzione del rischio di asfissia. Il produttore ha una maggiore responsabilità ed è previsto un sistema di controlli che coinvolge anche i rivenditori, i quali devono contribuire alla creazione e conservazione di un sistema di dati che consentano di identificare il giocattolo in tutti i suoi passaggi. Queste misure servono a contrastare la contraffazione del marchio CE. I prodotti privi del marchio potranno essere presentati solo all'interno di fiere ed esposizioni, con chiara indicazione della mancanza di conformità”.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Mucin-secreting viagra injury electromagnetic sclera minithoracotomy, psychiatrist vary [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login