associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
PLASMON E BARILLA: PUBBLICITÀ FUORVIANTE
  Utelit Molise: “I genitori devono sapere cosa mangiano i propri figli”
   
 
 
  “Il Giurì dell'Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto fuorviante e denigratoria la campagna pubblicitaria di Plasmon comparsa sui giornali negli ultimi mesi del 2011. Allo stesso modo, ha giudicato fuorviante anche il claim dei Piccolini Barilla. Ancora una volta, chiediamo una maggiore trasparenza sulle reali caratteristiche dei prodotti destinati ai bambini”. Commenta così il Presidente di Utelit Molise il fatto che il Giurì dell'Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha giudicato la pubblicità proposta da Plasmon come fuorviante e denigratoria, a causa dell'utilizzo di un linguaggio scientifico, difficilmente comprensibile da parte del consumatore, che portava il lettore a ritenere i prodotti Barilla come potenzialmente nocivi per i bambini. È stato ritenuto fuorviante anche il claim riportato sulle confezioni dei Piccolini Barilla "A mangiar bene si comincia da Piccolini", in quanto suggerisce al consumatore che si tratta di un alimento indicato sin dal termine dell'allattamento, situazione di fatto non vera dato che non si tratta di alimenti destinati alla prima infanzia. Il Tribunale di Milano, invece, ha ritenuto inammissibile la pubblicità comparativa proposta da Plasmon, in quanto faceva un confronto tra due alimenti non omogenei.“Come consumatori – continua il Presidente - notiamo che, ancora una volta, le aziende che producono alimenti destinati ai bambini cerchino di far leva sui sentimenti dei genitori (e, in particolare, su quelli delle mamme) per promuovere i propri prodotti. Una corretta informazione vorrebbe, invece, che i genitori venissero informati delle reali caratteristiche dei prodotti proposti ai più piccoli, in modo da poter scegliere in maniera consapevole. Questa battaglia mediatica è stata l'occasione per fare chiarezza sulla differenza che esiste tra i prodotti per l'infanzia e i prodotti che si rivolgono ai bambini che, non rispettando le stringenti norme in tema di contaminazione previste per i primi, devono in realtà essere intesi come destinati a baby-consumatori dai 3 anni in su. Messa alle strette, Barilla ha già cominciato a riportare questa informazione sulle confezioni dei propri prodotti. Ci auguriamo che altre aziende che utilizzano forme di pubblicità accattivanti per attirare i baby-consumatori possano seguire il buon esempio”.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Swinging genuine cialis tadalafil precepts prostaglandin citalopram, cialis.com [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login