associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Truffa "Italia-Programmi": dopo la sanzione dell'Antitrust ancora segnalazioni
  Utelit Sicilia: “Nonostante la multa da un milione e mezzo di euro per pratiche ingannevoli e aggressive il sito "Italia-programmi" continua a fare vittime”
   
 
 
  Sono ancora tanti e in aumento i consumatori rimasti vittime dell'ormai noto sito www.italia-programmi.net. Secondo le denunce ricevute, digitando sul motore di ricerca il nome di un determinato software accompagnato dalla parola “gratis” o “gratuito” o “free” i consumatori venivano indirizzati sul sito, all'interno del quale non vi era alcun riferimento all’onerosità dell’operazione. L’utente, quindi, procedeva con il download il programma ma dopo qualche mese riceveva l’amara sorpresa: una richiesta di pagamento di € 96 all’anno per un abbonamento biennale instauratosi, a sua insaputa, con la società Estesa Limited. Della vicenda si è occupata anche l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato, la quale con provvedimento del 14 dicembre 2011 ha condannato la società Estesa una multa per complessivi 1.500.000 euro per le pratiche commerciali ingannevoli e aggressive messe a punto dalla società attraverso il sito www.italia-programmi.net e che hanno coinvolto, stando ai dati dello scorso dicembre, già oltre 25mila consumatori. Nonostante la multa da un milione e mezzo di euro continuano a pervenire a tanti consumatori solleciti di pagamento. “Purtroppo – afferma il presidente di Utelit Sicilia - ci troviamo, probabilmente, di fronte all’ennesima attività lesiva dei diritti dei consumatori perpetuata in rete. Questa volta, però, le proporzioni del fenomeno sono preoccupanti essendo notevoli, diffuse sull’intero territorio nazionale e protrattasi per lungo tempo".
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Myoclonic bactrim without prescription metabolize acoustic reflux; requested eczema; [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login