associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Sequestro prosciutti a Parma
  Utelit Veneto: “Consumatori costretti a subire inganno del Made in Italy”
   
 
 
  Oltre 90 mila prosciutti crudi, in parte freschi e in parte gia’ stagionati, per un valore di 2,5 milioni di euro, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Parma in un prosciuttificio della provincia di Modena. Di provenienza estera – Belgio, Olanda e Germania – i prosciutti erano privi della bollatura sanitaria prevista dalla normativa comunitaria. La titolare del prosciuttificio, a cui sono anche state contestate altre irregolarita’ amministrative, e’ stata segnalata all’autorita’ sanitaria.“I consumatori sono troppo spesso costretti a subire l’inganno del falso Made in Italy”. E’ il commento di Utelit Veneto che plaude all’operazione dei Nas. “L’operazione conferma la necessità di recuperare il ritardo accumulato nell’applicazione della legge nazionale sull’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti i prodotti alimentari, approvata all’unanimità dal Parlamento da oltre un anno. In Italia si sono prodotte nel 2011 solo 24,5 milioni di cosce, mentre ne sono state importate 67 milioni di cosce di maiale destinate, con la trasformazione e la stagionatura, a diventare prosciutti “Made in Italy” (tra crudi e cotti) perché non è obbligatorio indicare la provenienza della carne di maiale in etichetta, a differenza per quello che avviene per quella bovina dopo l’emergenza Bse”.
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Decompression buy zithromax bread reducing arch, diversions positive Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login