associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Riforma pensioni 2014-2015. Vittorio Conti: sì alla pensione anticipata
  Il commissario straordinario dell'Inps Vittorio Conti rilancia l'ipotesi di pensione anticipata per tutti. Intanto prosegue il dibattito sulla riforma pensioni 2014-2015, utile soprattutto a modificare quella Fornero. Il commissario dell'Istituto nazional
   
 
 
  Il commissario straordinario dell'Inps Vittorio Conti rilancia l'ipotesi di pensione anticipata per tutti. Intanto prosegue il dibattito sulla riforma pensioni 2014-2015, utile soprattutto a modificare quella Fornero. Il commissario dell'Istituto nazionale di previdenza sociale propone una riforma pensioni con più flessibilità in uscita dal lavoro e quindi che, diversamente dalle altre riforme delle pensioni, punti all'abbassamento dell'età pensionabile. "La struttura di riferimento del sistema previdenziale pubblico deve essere più flessibile ai tempi e ai modi di uscita dal mercato del lavoro"; lo ha dichiarato, rilanciando così l'ipotesi di pensione anticipata nel quadro della riforma pensioni 2014-2015 il commissario dell'Inps Vittorio Conti. Aggiunge “Si tratta, in particolare, di non stabilire una data di uscita dal lavoro fissa, uguale per tutti". L'ipotesi di pensione anticipata prospettata dal commissario dell'Inps va nella direzione indicata dai sindacati Cgil, Cisl e Uil e anche da diversi parlamentari, tra i quali il presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano, del Pd, che nell'ambito della riforma pensioni propone di approvare il ddl già presentato a Montecitorio che prevede pensione anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi per tutti i lavoratori e non solo il prepensionamento per i dipendenti pubblici così come previsto nella riforma Pa e pensioni del ministro della Pubblica amministrazione e Semplificazione Marianna Madia. Il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti si è mostrato molto prudente sull'ipotesi di pensione anticipata a 62 anni. Infatti, prima bisognerà fare i contri con le coperture finanziarie su cui dovrà rispondere il ministro dell'Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan. "In base alla contribuzione raggiunta si può decidere se andare avanti o meno", ha spiegato il commissario dell'Inps Vittorio Conti intervenendo nei giorni scorsi a un convegno organizzato a Roma dalla Federazione Banche Assicurazioni e Finanza (Febaf). "Raggiunta una certa quota di contribuzione - ha proposto il commissario straordinario Inps - si potrebbe lasciare la libertà e fare in modo che la data di uscita dal mondo del lavoro e quindi per la pensione anticipata sia parte di una valutazione soggettiva”. Il commissario straordinario dell'Inps ha ricordato come fino ad adesso le riforme delle pensioni, come la riforma pensioni Fornero, hanno innalzato l'età pensionabile. Adesso, secondo Vittorio Conti, occorre "rendere un po' più flessibile il sistema".
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
Renal buy zithromax online compounds, deliberately clinical hypertrophic tarnishe [...] Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login