associazione nazionale utenti televisivi e consumatori italiani  

Chi siamo
Dove siamo
Home

Contatti
Aboliamo il canone
Links
NOICONSUT
Archivio
Iniziative
Il ministro Lorenzin:
  Così il ministro della Salute ha aperto la seconda giornata di discussione, organizzata dall’Aifa, per confrontare le diverse posizioni delle Agenzie regolatorie europee sull’accesso ai prodotti innovativi. La discussione era partita dall’immissione in co
   
 
 
  Così il ministro della Salute ha aperto la seconda giornata di discussione, organizzata dall’Aifa, per confrontare le diverse posizioni delle Agenzie regolatorie europee sull’accesso ai prodotti innovativi. La discussione era partita dall’immissione in commercio dei farmaci per l’epatite C, il cui utilizzo (50.000 euro di costo per terapia per milioni di persone), rischia di far fallire qualsiasi budget di bilancio. Ed è questo il nocciolo della questione che il Ministro italiano porrà all’incontro con i colleghi degli altri ministeri della salute europei, con i quali occorre un’alleanza per intervenire nei confronti delle case farmaceutiche. “La questione è sotto osservazione da parte di tutti gli organismi,” ha dichiarato alla stampa il ministro, “ dal Ministero all’Aifa; ma ci troviamo di fronte a una situazione insostenibile. Per 15 anni non abbiamo avuto immissione di nuovi farmaci e ora le case farmaceutiche stanno invadendo il mercato con prodotti nuovi, risolutivi per certe malattie, ma a caro prezzo. Un prezzo che sta facendo saltare anche i budget di paesi come gli Stati uniti. Non è un problema che possiamo risolvere da soli”, continua la Lorenzin, “e per questo voglio sentire i colleghi europei, perché dobbiamo agire insieme per invertire questa tendenza che porta le case farmaceutiche a proporre cure costose per rientrare dei costi di produzione che nei casi dei farmaci innovativi sono molto alti. Molti di questi costi – aggiunge - sono già rientrati. Riguardo alle richieste delle associazioni dei malati inoltre dichiara ”La pressione dei malati è molto forte e ci troviamo di fronte a un grosso problema. In Europa ci sono 5 milioni di malati e di infetti da epatite C, che chiedono di avere accesso a questi nuovi farmaci. Ma siamo di fronte a un evento epocale, è come quando è stata scoperta la penicillina, che ha dato vita alla battaglia contro i batteri. Oggi siamo in presenza di una malattia virale, come l’epatite C che evolve in cirrosi e tumore e che fa morire. Il nuovo farmaco, ma ce ne sono altri in arrivo, è risolutivo con una cura di 4-8 settimane. I malati guariscono. Ma il prezzo è insostenibile e questo sarà il tema del nostro semestre europeo. Dobbiamo cercare una giusta strada per trattare con le case farmaceutiche. Intanto non dimentichiamo i malati, perché stiamo agendo con le cure compassionevoli. Chi non può aspettare e chi non ha alternative alle cure tradizionali in commercio che hanno pure una loro efficacia sia pure con effetti collaterali, avrà la cura in modo compassionevole. Ora stiamo trattando con chi ha messo in commercio il nuovo farmaco e tratteremo anche con le case farmaceutiche che a breve metteranno in commercio un prodotto simile. All’incontro dell’Aifa sono emersi tanti aspetti di questa vicenda e tutti hanno auspicato un giusto accesso alle cure.” Il ministro, in merito ai budget sanitari, alla questione dei fondi e all’ipotesi di un fondo speciale lanciata da Luca Pani sottolinea “E’ una delle posizioni in cantiere ma dovremo prendere accordi con il ministero dell’Economia. Ma soprattutto è importante l’alleanza con gli altri ministri europei. Dobbiamo anche tenere presente che in campo ci sono altri settori sanitari che usufruiranno dell’innovazione, dalle malattie croniche (diabete, Alzheimer, Parkinson) aggravate dal problema dell’invecchiamento della popolazione alle infezioni, come Ebola. Si dovrà decidere come affrontare l’innovazione e trovare un nuovo modo di approccio con le industrie farmaceutiche. Da parte nostra”, conclude, “dovremo rispondere con una maggiore efficienza sanitaria e con l’avvio delle rete informatica di tutte le strutture ospedaliere.”
   
 
Vai all'Archivio News | Torna alla Prima Pagina
Leggi i commenti!
A buy misoprostol online chorea; confusing tortuous consent apnoea Altri commenti
Sondaggi
I partiti e il palinsesto Rai
E' giusto che i partiti politici influenzino il palinsesto Rai?
Sì: la tv pubblica deve riflettere il peso politico dei partiti
No, la Rai deve preferire le professionalità
In parte, servono regole che non escludano le minoranze
Occorre equidistanza dai partiti
Risultati
Osservatorio sulla Tv
Login